lunedì 19 aprile 2010

Un incontro fortunato

Ebbene sì! La favola continua! Sono ispirata e non mi ferma più nessuno! Scusate, forse verrà più lunga di quel che pensavo, ma ormai ho incominciato...che faccio? Interrompo a metà? Non sia mai e allora...andiamo avanti!
"Brrrrr che freddo!!! - disse Bea guardando la neve che scendeva... - ci ammaleremo!" Ma Mino che, come al solito era organizzatissimo, tirò fuori dal suo zaino, berretti, sciarpe e guanti di lana e li distribuì agli amici che si coprirono ben bene. Ogni tanto scoppiava un palloncino, ma loro prontamente ne gonfiavano un altro e lo sostituivano. Dopo diverse ore di viaggio i bambini incominciarono a preoccuparsi..."Qua è tutto buio, qual è la direzione giusta???" "Io ho fame!!!" disse Tommy.... Rita armeggiava con la sua bussola..."Andiamo di qua...no, no....andiamo di là!!!

"Coriandoli di neve" - particolare - olio su tela, 70x60


...Forse bisogna seguire la stella polare..."..e mentre discutevano su quale fosse la rotta giusta, sentirono delle voci , risate, scoppiettìì e canti. Si guardarono sorpresi e mentre i suoni si facevano più vicini videro dei piatti e dei bicchieri che volavano da tutte le parti. Mino schivò per un pelo un cucchiaio che sfrecciava come una saetta.."Ma.... cos'è???!! Cosa sta succedendo???" Poi finalmente videro: un banchetto! Sì un banchetto proprio su nel cielo, con una tavola volante...tutto volava!!! E i commensali erano tutti personaggi di favole : c'era Cappuccetto Rosso, Pinocchio, la strega...erano in tanti, tantissimi! E come si divertivano!!!

"Favole a tavola" - olio su tela, 50x40


I bambini rimasero a bocca aperta a guardare, quando la Fata turchina li chiamò: "Benevenuti, cari amici! Coraggio, sedetevi con noi e mangiate tutto quello che volete e se volete qualcosa che in tavola non c'è, basta che me lo diciate.... con una piccola magia, lo farò comparire! Non preoccupatevi se tutto vola, quando noi protagonisti di favole c'incontriamo, succede sempre così!" Mino, Bea, Rita e Tommy non se lo fecere ripetere due volte! Acchiapparono al volo una sedia e si accomodarono. Rita pensò che persino la sua mamma non sarebbe stata capace di fare delle polpette così buone! Ci voleva proprio quell'incontro, tutti cantavano e ridevano e anche i bambini si stavano divertendo un sacco quando la Fata turchina si avvicinò a loro e chiese: "Dove state andando?" "A cercare i sogni "rispose Mino. "Allora è il momento di riprendere la strada - sussurrò la fata - prendete questa...." e così dicendo diede qualcosa a Tommy . Poi, improvvisamente, tutto scomparve .... intorno a loro rimasero solo il silenzio più profondo e la notte più nera... ma tra le mani di Tommy brillava un minuscola, luminosissima stella : il dono della Fata turchina.

7 commenti:

Uapa ha detto...

Che bello! *.*

Giada ha detto...

Grazie Ale! Sto seguendo anch'io la tua favola ormai sono presa dentro la storia, continua così!!A presto...

nonnAnna ha detto...

Ciao Ale
per piacere continua a scrivere questa favola e non interromperla... mi "prende" moltissimo
e poi i disegni sono sempre più belli!!!
Un caro saluto
nonnAnna

ANTO ha detto...

meravigliosi i disegni ed anche la storia.A presto,Anto

Ernestina ha detto...

Ale, ci fai tornare bambine !

Francesca ha detto...

Ciao Alessandra, ho visto gli ultimi post e sono favolosi...,riesci a rappresentare il fantastico mondo dei bambini in modo delizioso!!!
Baci

Alessandra ha detto...

Grazieeee!!! La favola viene un po' più lunga del previsto, spero non vi annoierò. Un abbraccio a tutte!